Ospite a:

Andando – con Paolo Rumiz

12 Novembre 2019 @ 18:15

Paolo Rumiz

Paolo Rumiz (Trieste, 1947) è stato inviato speciale del “Piccolo” di Trieste, quindi editorialista di “La Repubblica”. Appassionato viaggiatore, a piedi o in bicicletta, in terre di confine o in luoghi dimenticati, ha percorso itinerari sconosciuti al turismo di massa, che ha poi narrato nei suoi numerosi libri. Dal 1986 ha seguito gli eventi dell’area balcanico-danubiana, coprendo gli anni difficili della guerra jugoslava. Nel novembre 2001 è stato inviato a documentare l’invasione dell’Afghanistan. Ha pubblicato, tra l’altro, con Feltrinelli La secessione leggera (2001), Tre uomini in bicicletta (con Francesco Altan, 2002), È Oriente (2003), La leggenda dei monti naviganti (2007), Annibale (2008), L’Italia in seconda classe (2009), La cotogna di Istanbul (2010), Il bene ostinato (2011), la riedizione di Maschere per un massacro. Quello che non abbiamo voluto sapere della guerra in Jugoslavia (2011), A piedi (2012), Trans Europa Express (2012), Morimondo (2013), Come cavalli che dormono in piedi (2014), Il Ciclope (2015), Appia (2016); La regina del silenzio (2017); Il filo infinito (2019), Viaggio alle radici d’Europa (2019). È un sensibile estimatore dell’ensemble giovanile European Spirit of Youth Orchestra e del messaggio di pace e di collaborazione tra i popoli di cui essa è ambasciatrice. Dal 2015 accompagna la ESYO nel progetto culturale “Tamburi di pace” in qualità di voce narrante.